Salamino Agerolino Florì

Salamino Agerolino Florì

Descrizione:

Cosi chiamato perché la pasta di caciocavallo viene lavorata in forma di salame di varie pezzature.

Availability:

In Stock

Compara
Descrizione :

Cosi chiamato perché la pasta di caciocavallo viene lavorata in forma di salame di varie pezzature.

Informazioni Aggiuntive :
Denominazione

Salamino Agerolino Florì

Luogo di Produzione

Agerola, NA (Italy)

Categoria di appartenenza

Prodotto semi-stagionato

Descrizione

Formaggio a pasta filata con sapore più o meno dolce a seconda del periodo di stagionatura.

Ingredienti

Latte vaccino crudo, caglio di vitello, sale

Aspetto

Superficie con crosta sottile. lnternamente, dopo il taglio, la pasta si presenta liscia e Iucente omogeneamente, di colore giallo paglierino.

Colore

Giallo paglierino omogeneo, esente da chiazze o striature

Sapore

Dolce

Odore

Fragrante, morbido e delicato

Reviews

There are no reviews yet.

Be the first to review “Salamino Agerolino Florì”

Tags: , , , ,

Potrebbe piacerti anche...

    Cacetti Farciti Naturali Florì

    0 out of 5

    Il diminutivo che lo definisce é riferito alla sua forma ridotta rispetto a quella consueta di un caciocavallo, ed evoca una memoria fanciullesca, quasi da cantastorie e da fiaba montana.

    Caciocavallo Agerolino Florì

    0 out of 5

    Il caciocavallo è un formaggio semi-stagionato a pasta filata tipico dell‘Italia Meridionale. Presenta una forma più o meno tondeggiante con testina ed é prodotto con latte vaccino a cui viene aggiunto solo caglio e sale.

    Su richiesta, è possibile produrre caciocavalli affumicati.

    Fiordilatte Florì ®

    0 out of 5

    Il fiordilatte é un formaggio fresco a pasta filata, ottenuto con latte intero crudo di vacca proveniente da più mungiture nell’arco di massimo 16 ore, in quanto va consegnato freschissimo per la lavorazione. Originario dell‘Appennino Meridionale, in Campania è particolarmente rinomato quello di Agerola, prodotto con una quota di latte della pregiata razza bovina Agerolese che lo rende particolarmente gustoso.

    E‘ oggi declinato in diverse varianti di forma e di peso, per soddisfare le differenti esigenze della distribuzione e della tavola.

    Ricotta Florì

    0 out of 5

    La ricotta va definita semplicemente latticino. E‘ ottenuta, infatti, non attraverso la coagulazione della caseina del latte (la cagliata) come il formaggio, ma attraverso quella delle proteine del siero di latte, cioè della parte liquida che si separa dalla cagliata durante la caseificazione. E’ perciò un sottoprodotto
    del processo di caseificazione. Il processo di coagulazione delle siero-proteine avviene ad alta temperatura (80-90°C): dopodiché il siero viene letteralmente ricotto, pratica da cui deriva il nome del latticino.

X